logo-mini

OF News Aggregator

Per iscriversi o disattivarsi dalla mailing list

Uscita di martedì 22 maggio 2018

RAPPORTO TREND 2018 CON I NUMERI DEI PRODOTTI BANCARI DISPONIBILE SU RICHIESTA

Avvisi
...
 
Leggi tutto

A settembre il premio OF Miglior Banca 2018

Cover Story
Il team di OF Osservatorio finanziario è al lavoro per preparare la seconda edizione di OF Miglior Banca, che premia il migliore istituto finanziario italiano del 2018 e i migliori prodotti e servizi bancari. I vincitori della prima edizione sono stati premiati a maggio 2017 (Leggi qui) mentre l’evento di premiazione per quelli del 2018 si terrà a settembre. Come nella precedente edizione, per eleggere la banca migliore del 2018 è stata effettuata un’analisi qualitativa degli istituti e dei prodotti, realizzata attraverso il Data Base Prodotti Bancari che mensilmente aggiorna le voci di costo di conti, mutui, prestiti e carte, a cui si aggiunge un approfondimento quantitativo tratto dall’analisi dei bilanci dei 21 gruppi bancari presi in esame dal team di analisti. Questo studio utilizza OFPowerView, il super-indice bancario e finanziario che misura, evidenzia e illustra il reale valore di una banca e dei suoi prodotti, in rapporto con la concorrenza. OF-POW prende in esame punti di osservazione sia quantitativi (livelli di solidità e solvibilità) che qualitativi (prodotti e servizi) in 4 sotto indici principali. Sommando oltre 500 punti di osservazione sulla base di questi due modelli - strutturale e ranking – si ha una visione a 360 gradi delle banche analizzate, così da eleggere la OF Miglior Banca 2018, con ottimi risultati sia nei bilanci sia per quanto riguarda prodotti e servizi per la clientela retail....
 
Leggi tutto

Generali, shopping e pieno di utili Donnet: “Il Leone cambia ancora pelle”

Economia
A Philippe Donnet non fa molto piacere ricordare cosa è successo a gennaio 2017, quando sembrava che Generali stesse per diventare oggetto delle attenzioni di Banca Intesa. Ma accenna a quell’episodio per ribadire un concetto: chi pensava di scalare il Leone sbagliava obiettivo e strategia. La compagnia, sottolinea, è solida e redditizia, sta preparando un energico piano industriale di sviluppo, lavora con una squadra che resta invariata e guarda al futuro diventando progressivamente più digitale. Cosa è cambiato rispetto a 15 mesi fa, quando Intesa Sanpaolo studiava come comprarvi? «Per me non è cambiato molto, io non ho mai pensato che il Leone fosse una preda, si raccontano troppe favole intorno a noi. Non eravamo preda per Axa, non potevamo esserlo per Intesa o per altri. E infatti alla fine quei rumor non hanno avuto seguito. Allora dicevo: abbiamo una strategia chiara che funzionerà. Oggi dico: sta funzionando, è la ricetta giusta per Generali, e abbiamo la squadra giusta per implementarla. Anzi, dico di più: qualcosa è cambiato, ma nel senso che dovremo riallocare le risorse che stiamo accumulando e sviluppare la nostra compagnia». Quello che è accaduto sembrava un’anteprima di quello che è successo a Tim dove però il Fondo Elliott è riuscito a rovesciare la governance della società. Il capitalismo italiano sta cambiando, le società sono più contendibili? «Non voglio esprimermi su Elliott- Tim, non c’entra con noi. Telecom è un argomento che a noi non interessa»....
 
Leggi tutto

Banche, ora l’urgenza sono gli incagli

Economia
«T re anni fa, per conto di un’impresa del Nord, andai in una banca quotata a dire che il mio cliente, esposto per 20 milioni, non sarebbe riuscito a rimborsarli, e forse era il caso di avviare una procedura. Il dirigente con cortesia mi disse: torni a casa e stia tranquillo». L’aneddoto (nomi omessi), spiega con quale benevolente pazienza sianostati trattati alcuni crediti incerti in Italia. L a merce bancaria in deperimento per un decennio è stata tenuta più possibile sotto il tappeto, per evitare che le due recessioni, che ha moltiplicato per cinque i prestiti inesigibili oltre i 200 miliardi di euro lordi, facesse fiorire troppo le sofferenze ( Non performing loans), capaci di azzerare utili e patrimoni di tanti istituti. Ma in tal modo, miliardi di altre esposizioni, classificate in bonis o incagli (ora la Bce vuole che si chiamino Utp, Unlikely to pay) restava sommerso nei bilanci, e gestito in sordina. Dal 2016 è cambiato tutto. Spinte dai diktat di vigilanza e dall’esigenza di dare redditività al capitale immesso dagli azionisti, le banche hanno avviato importanti operazioni di pulizia, creando uno dei primi mercati mondiali del credito deteriorato. Nel 2017 sono passati di mano circa 70 miliardi di sofferenze nette: una cifra simile si stima sarà negoziata quest’anno, sull’onda delle cartolarizzazioni di Npl con garanzia statale (Gacs) che valgono per tre quarti dei volumi attesi 2018...
 
Leggi tutto

Fca, è l’ora delle alleanze Marchionne studia Big Tech A Pomigliano Jeep e Alfa

Economia
I l futuro di Fca comincia in fattoria. Per la precisione sull’aia della Cascina Bella Luigina di Balocco, in provincia di Vercelli, dove nel 1962 l’Alfa Romeo inaugurò la sua pista di collaudo. È lì che il primo giugno prossimo Sergio Marchionne e i vertici dei brand del Lingotto illustreranno il piano industriale 2018-2022, il primo che sarà portato a termine dal successore dell’attuale aministratore delegato. Un progetto da decine di miliardi che mette in conto l’ennesima metamorfosi del gruppo nato dalla vecchia Fiat e dalla Chrysler. C on l’obiettivo di presentarsi nelle migliori condizioni all’appuntamento con i merger che inevitabilmente l’industria dell’auto dovrà registrare nel prossimo futuro. Il cambio di pelle riguarderà soprattuto alcuni punti chiave destinati a ridefinire le caratteristiche dei prodotti Fca. Motori ibridi Il mutamento più vistoso sarà quello sotto il cofano. Marchionne ha già annunciato che «entro il 2022 smetteremo di produrre auto motorizzate diesel»...
 
Leggi tutto

Piano Fca, la mappa dei poli italiani e il nodo occupazione senza più auto popolare

Economia
Il prossimo piano di Fiat Chrysler potrebbe rappresentare il compimento di un processo industriale che il Lingotto in realtà ha avviato da tempo: specializzare gli stabilimenti italiani sulle produzioni a maggiore valore aggiunto e abbandonare le auto destinate al mass market. Una specializzazione industriale già oggi chiaramente rintracciabile nei dati sulla produzione del Lingotto – raccolti e elaborati ogni trimestre dalla Fim Cisl – e di fatto anticipata nella costituzione del polo del lusso che formalmente riunifica Mirafiori e Grugliasco, i due plant torinesi dove Fca produce le Maserati....
 
Leggi tutto

Mediobanca ecco l’uomo degli affari delicati

Economia
La promozione di Francesco Canzonieri a capo del ramo banca d’investimento e d’impresa (Cib) di Mediobanca, in coppia con Francisco Bachiller, non stupisce gli addetti ai lavori. Arrivato due anni fa per rinforzare il team attivo nella City, è stato protagonista di molti dei recenti dossier più delicati a Piazza Affari. Le consulenze all’Opa di Atlantia su Abertis, l’acquisizione General Cable di Prysmian, l’operazione Intrum-Intesa Sanpaolo, il delisting di Richemont su Ynap, la ricapitalizzazione “per sette” di Creval (triplo carpiato), tutte le cessioni di sofferenze bancarie italiane garantite dal Tesoro...
 
Leggi tutto

Mps, Equita taglia il target price per il rischio governo

Economia
Dopo la trimestrale e il roadshow dei manager, Equita ha tagliato per bene il costo il costo del rischio di Mps da 82 a 64 punti base. Ha però dovuto abbassare il prezzo obiettivo sulla banca da 3,9 a 3,6 euro, oggi, a causa del nuovo governo Lega-M5S. Il target price resta comunque sopra l'attuale livello di scambio del titolo, che questa mattina è in rialzo dello 0,50% a quota 2,834 euro dopo gli scivoloni della scorsa settimana, causati dalle parole della Lega, secondo cui il Monte deve restare in mano statale andando contro la direttiva europea sugli aiuti pubblici alle imprese. Equita nel suo report parla di "incertezza politica, con possibili impatti su governance, strategia e obiettivi". Secondo la sim milanese, la guidance sul costo del rischio per il 2018, a circa 60 punti base, "ha visibilità in quanto si fonda su miglioramenti strutturali dell'asset quality". Inoltre dal 2015, sottolinea Equita , sono state riviste tutte le policy di erogazione per 10 miliardi l'anno, quindi "il 30% dello stock di impieghi è stato originato con nuovi e più stringenti target". Il focus sul derisking nel 2018 sarà legato al portafoglio di crediti Unlikely to Pay, con un obiettivo di riduzione di 4 miliardi di euro al 2019. Il processo è agevolato dal fatto che 5 miliardi di euro di crediti deteriorati sono composti da 350 posizioni, con un maggior taglio medio (13 milioni) che ne agevola le vendite....
 
Leggi tutto

Unicredit vende il Pavilion a Coima Res

Economia
Unicredit vende a Coima Res l'immobile Pavilion, uno spazio polifunzionale che sorge a Milano nell'area di piazza Gae Aulenti dove c'è anche il quartier generale della banca guidata dall'ad Jean Pierre Mustier. Il contratto preliminare siglato tra i due gruppi prevede un prezzo di 45 milioni (46,3 milioni incluse tasse e costi di due diligence) più un potenziale earnout fino a 5 milioni. Il closing dell’operazione è previsto entro fine anno. “Coima Res prosegue la composizione del portafoglio con una concentrazione a Milano in particolare nei quartieri dove è prevista la maggiore crescita dei canoni come Porta Nuova. I canoni prime in Porta Nuova hanno superato il livello di 550 euro al mq per destinazione terziaria e il livello di 1.500 euro al mq per destinazione commerciale e ci si attende che questo trend positivo prosegua ulteriormente”, ha sottolineato Manfredi Catella, fondatore e amministratore delegato di Coima Res ....
 
Leggi tutto

La duplice sfida di Cattolica: più polizze Vita «capital light» e diversificazione nel Danni

Economia
Dare concreta esecuzione all’accordo di bancassurance definito con Banco Bpm. Poi: nel Danni diversificare l’attività. Inoltre: incrementare il business nel Vita, soprattutto con polizze “a basso assorbimento di capitale”, e sfruttare così anche le economie di scala. Ancora: aumentare la digitalizzazione delle attività. Sono tra le priorità del Gruppo Cattolica Assicurazioni, indicate nello stesso piano d’impresa 2018-2020, a sostegno del business. La compagnia, che nell’ottobre scorso ha visto l’acquisto del 9,047% del capitale da parte di Warren Buffett, di recente ha pubblicato i numeri sul primo trimestre dell’anno. Il periodo è stato caratterizzato dal rialzo dei premi netti (+1,7%) e dall’incremento del risultato operativo (+4%). Il Combined ratio nel danni, dal canto suo, si è assestato al 93,7%....
 
Leggi tutto

Popolare di Vicenza e Veneto Banca: spiraglio per i risparmiatori azzerati

Economia
Una sentenza che fa ben sperare per i tanti risparmiatori “azzerati” da Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza. Questa mattina, all’interno dell’Acli di Rovigo, Confconsumatori e il Movimento Consumatori hanno presentato la nuova sentenza arrivata dal tribunale di Vicenza che apre la possibilità che Banca Intesa sia chiamata a coprire i danni subiti dai risparmiatori di Veneto Banca. Anche in Polesine, infatti, sono molti i pensionati o le giovani coppie che hanno investito in queste banche i loro risparmi, vedendoli poi persi: “Recentemente abbiamo già seguito 35 casi in Polesine molto importanti – spiega Giorgio Sprocati, Movimento Consumatori – in totale stiamo parlando di 2670 investitori interessati per tre milioni di euro. Per questo abbiamo unito le forze tra associazioni a tutela dei consumatori, per portare avanti questi casi e ottenere risultati sempre più importanti”. ...
 
Leggi tutto

Altro monito della Commissione Ue, Piazza Affari accenna un recupero

Affari Personali
Tra le banche è ben impostata Unicredit (+0,48% a 16,36 euro) che ha stretto con Coima Res (-0,73% a 8,12 euro) un contratto preliminare di acquisto per l'immobile Pavilion a Milano Porta Nuova per 46,3 milioni (incluse tasse e costi di due diligence) più un potenziale earnout fino a 5 milioni. Il closing è previsto entro fine anno. Inoltre oggi si riunisce il cda di Banca Carige (+1,18% a 0,0086 euro) sul tema della razionalizzazione delle partecipazioni: potrebbe decidere la cessione del 20,6% di Autostrade dei Fiori, secondo fonti di stampa che citano anche un'offerta giunta da York Capital per acquistare il credito nei confronti di Erzelli. Invece, secondo Mf, Mps (+0,25% a 2,84 euro) ha avviato la vendita di un pacchetto di immobili strumentali da mezzo miliardo di euro. Occhio, infine, a Bim (sulla parità a 0,419 euro), il cui cda ha ritenuto non congruo il corrispettivo dell'opa obbligatoria totalitaria promossa da Attestor Capital tramite Trinity Investments, e a Fincantieri (+1,64% a 1,36 euro) perché oggi il comitato per la difesa nazionale australiano esaminerà, per un parere, le offerte presentate per aggiudicarsi la costruzione di nove fregate per la Marina, tra le quali quella di Fincantieri ....
 
Leggi tutto

Ubs, dieci buy sui titoli assicurativi

Affari Personali
Dopo la comunicazione dei risultati del primo trimestre, le performance dei titoli assicurativi europei sono state molto differenziate. La preferenza degli analisti di Ubs va alle compagnie con un'alta qualità dei fondamentali e un'elevata generazione di cassa. Ecco chi ha potenzialità di rialzo 1) NN Group. Al gruppo olandese, che capitalizza 15,2 miliardi di dollari, è stato assegnato un prezzo obiettivo di 42,60 euro, che implica un total return (performance + rendimento della cedola) del 15,4% dalla quotazione attuale. Il titolo tratta 9,3 l'utile stimato del 2018 e 8,5 quello del 2019, mentre il rendimento della cedola è rispettivamente 4,9 e 5,1%. La performance da gennaio è +7% e negli ultimi 12 mesi è +23%. 2) Allianz . Il colosso tedesco, che capitalizza 101,7 miliardi di dollari, merita un target price di 230 euro (total return del 24,5% dalla quotazione attuale). Il titolo, che negli ultimi 12 mesi è salito del 13%, viene scambiato 11 l'utile stimato del 2018 e 10 quello del 2019. Il dividend yield è invece 4,6% nell'esercizio attuale e 4,9% nel prossimo. La performance negli ultimi sei mesi è negativa (-3%). 3) Prudential. Al gruppo inglese (ramo vita), che capitalizza 66,5 miliardi di dollari, è stato assegnato un prezzo obiettivo di 2.400 pence, che implica un total return del 27,6% dalla quotazione attuale. Il titolo tratta 12,5 volte l'utile stimato del 2018 e 11,3 quello del 2019, mentre il rendimento della cedola è rispettivamente 2,6 e 2,7%. La performance da gennaio è +2% e negli ultimi 12 mesi +11%....
 
Leggi tutto

Gli hedge funds non amano più l’oro: crolla l’esposizione rialzista

Affari Personali
Gli hedge funds stanno prendendo le distanze dall’oro. Nella settimana fino al 15 maggio – mentre il metallo prezioso si avviava a sfondare al ribasso la soglia dei 1.300 dollari l’oncia – gli speculatori hanno ridotto del 40% la posizione netta lunga (all’acquisto) al Comex, portandola ai minimi da luglio dell’anno scorso. L’esposizione rialzista totale è scesa a 107.133 contratti, tra future e opzioni, la più bassa da febbraio 2016. E le liquidazioni probabilmente sono proseguite. Le quotazioni dell’oro ieri sono scese fino a 1.281,76 dollari l’oncia, prima di risalire in serata intorno a 1.290 dollari. A favorire le vendite è stata anche la tregua raggiunta da Usa e Cina nella guerra dei dazi....
 
Leggi tutto

Affitti brevi, giro d’affari potenziale da 4 miliardi (1,8 ai proprietari)

Affari Personali
Un milione di immobili potenzialmente dedicati agli affitti brevi, che potrebbero generare 1,8 miliardi di ricavi stimati per i proprietari e un giro d’affari complessivo da oltre 4 miliardi. Sono i conti in tasca fatti allo sviluppo dello short rent da Halldis, una delle prime società italiane che ha deciso di puntare sul settore e che oggi gestisce più di 1.850 proprietà in 25 località (anche europee). Non è un caso che l’agenzia delle Entrate – dopo il difficile rodaggio degli intermediari-sostituti d’imposta che devono versare all’Erario il 21% degli introiti previsti nel caso di opzione per la cedolare secca – preveda di incassare dal settore 139 milioni di euro di tasse....
 
Leggi tutto

“La Mifid 2 taglia i margini ai gestori ma Morgan Stanley avrà più spazio”

Speciale
«L’ effetto reale sul mercato della Mifid 2? Ci aspettiamo una contrazione dei margini degli operatori con una contemporanea probabile diminuzione dei costi per i risparmiatori». La previsione è di Vittorio Ambrogi, managing director, country head per l’Italia e responsabile Sud Europa e LatAm di Morgan Stanley Investment Management, che nel nostro Paese ad oggi ha circa 35 miliardi di dollari di asset under management, in rialzo rispetto ai 31,8 del 2017. I risultati continuano ad essere buoni e al momento il livello commissionale dei fondi della Sicav lussemburghese Morgan Stanley Investment Funds (MS Invf), autorizzati al collocamento in Italia, non ha subito modifiche. Dottor Ambrogi, cominciamo dalla trasparenza. La Mifid 2 la promette ai risparmiatori: quale sarà l’effetto? «Abbiamo già assistito ad un potenziamento della trasparenza da parte dei distributori verso i propri clienti dopo l’introduzione di Mifid 2 e questo fenomeno andrà sempre più intensificandosi....
 
Leggi tutto

MANAGEMENT. Pensare di aver sbagliato è una strada vincente per arrivare alla verità

Inchieste
«Nessuno ci ha avvisati. Nessuno ci ha detto della perdita dei motori all’altitudine più bassa della storia dell’aviazione. Un’avaria a entrambi i motori a 2800 piedi, seguita da un ammaraggio d’emergenza, con 155 anime a bordo. Nessuno era mai stato addestrato per una simile situazione». Sono le parole di Tom Hanks in Sully, film di Clint Eastwood che racconta dell’ammaraggio sul fiume Hudson del volo US Airways 1549. Era il 15 gennaio del 2009. Il film narra la vicenda di Chesley Sully Sullenberger, il pilota: eroe per una nazione, imputato per il National Transportation Safety Board (NTSB). L’accusa? Non aver fatto la scelta meno rischiosa; non aver ascoltato e accolto i suggerimenti della torre di controllo dell’aeroporto La Guardia da cui era partito (rientrare in quello o in un altro aeroporto e non ammarare); aver messo a repentaglio la vita di tutti i passeggeri. Eroe e imputato....
 
Leggi tutto

LE PAROLE SBAGLIATE SU MERCATI E UNIONE

Commenti
Lo spread sale, la coalizione M5S-Lega minimizza e accusa: le reazioni dei mercati sono solo giochini di speculatori. E così nella narrazione le variazioni dei rendimenti dei titoli di Stato italiani diventano un algoritmo deciso in una stanza, da quattro banchieri internazionali – magari con il cilindro e le ghette – che decidono a loro personale piacimento se far salire o scendere un tasso di interesse, con l’intento di indebolire politicamente alcuni partiti. L’espressione mercati, va detto, può essere fuorviante ed è bene allora ricondurla alla realtà. I mercati sono il luogo dove vengono trattate le risorse che i risparmiatori chiedono siano investite. Si tratta nella stragrande maggioranza di lavoratori, pensionati, professionisti, famiglie, che hanno accumulato e messo da parte denaro per il futuro e che chiedono che sia gestito in modo oculato e sicuro. Lo dimostra la composizione del portafoglio totale italiano:327 miliardi in obbligazioni, 993 miliardi in riserve assicurative, 517 miliardi in fondi comuni, 456 miliardi in depositi, 991 miliardi in titoli azionari....
 
Leggi tutto

Germania, la marcia per cancellare il debito e Berlino corre da sola

Commenti
Mentre in Italia si sta finalmente sciogliendo lo stallo politico, per il nuovo governo si delinea il problema finanziario principe che terrà banco fino a fine anno, cioè dove trovare i 31 miliardi di euro per continuare a rimandare l’aumento dell’Iva. Intanto in Germania è tempo di approvazione del nuovo bilancio 2018. Il governo tedesco naviga nei territori a noi sconosciuti dell’avanzo di bilancio, che rimane tale anche dopo aver considerato gli interessi sul debito. Dal 2014 la Germania sta inanellando una successione impressionante di avanzi crescenti. Nel 2017 il surplus si è assestato ad un corposo +1,1%. Per quest’anno il neo-ministro Scholz ha presentato un programma che punta al +1% da ottenersi attraverso politiche economiche che potrebbero apparirci bizzarre: congelamento del valore nominale degli investimenti pubblici, riduzione dei contributi di solidarietà all’Unione Europea, riduzione dei contributi al bilancio della Commissione, declino vicino ai minimi storici (1,3% del PIL) degli investimenti militari, nonostante le richieste pressanti di Trump di incrementare gli stanziamenti fino al 2%...
 
Leggi tutto

In che modo la febbre dello spread può contagiare famiglie e imprese

Commenti
Il banco di prova per misurare l’effetto-spread sarà costituito dai casi Atlantia e Fincantieri. Entrambe le società hanno avviato proprio ieri i roadshow, in agenda da tempo, per incontrare gli investitori internazionali ed emettere nuove obbligazioni. Se alla fine entrambe decideranno di sbarcare sul mercato (sarebbero le prime emissioni italiane di bond dopo le elezioni del 4 marzo), allora significherà che la turbolenza di questi giorni non ha avuto un impatto sulle aziende. Se invece decideranno di ritirare l’operazione, perché gli investitori chiedono rendimenti più elevati del previsto, allora bisognerà ammettere che un effetto c’è stato. Che lo «spread» sta già colpendo...
 
Leggi tutto

Banks Adopt Military-Style Tactics to Fight Cybercrime

Internazionale
O’FALLON, Mo. — In a windowless bunker here, a wall of monitors tracked incoming attacks — 267,322 in the last 24 hours, according to one hovering dial, or about three every second — as a dozen analysts stared at screens filled with snippets of computer code. Pacing around, overseeing the stream of warnings, was a former Delta Force soldier who fought in Iraq and Afghanistan before shifting to a new enemy: cyberthieves. “This is not that different from terrorists and drug cartels,” Matt Nyman, the command center’s creator, said as he surveyed his squadron of Mastercard employees. “Fundamentally, threat networks operate in similar ways.” Cybercrime is one of the world’s fastest-growing and most lucrative industries. At least $445 billion was lost last year, up around 30 percent from just three years earlier, a global economic study found, and the Treasury Department recently designated cyberattacks as one of the greatest risks to the American financial sector. For banks and payment companies, the fight feels like a war — and they’re responding with an increasingly militarized approach....
 
Leggi tutto

Banks seek tech talent for digital shift

Internazionale
European banks have increased recruitment of technology specialists more than tenfold in the past three years as they rush to fight rising competition and find new sources of growth after years of restructuring. The number of adverts for IT and engineering roles at banks across the EU in the first quarter of 2018 was 11.4 times higher than in the same period in 2015, according to analysis carried out for the Financial Times by LinkedIn. IT and engineering positions accounted for 17 per cent of bank job postings in the first three months of the year, up from just 7 per cent at the start of the period. Eduardo Roma, a partner at Bain, the consultancy, said banks are increasingly engaged in a “war for talent” as they are forced to compete with big technology groups in addition to traditional rivals in the financial services industry....
 
Leggi tutto

Bankers Hate the Volcker Rule. Now, It Could Be Watered Down.

Internazionale
It was one of the most significant actions by the federal government to prevent a repeat of the financial crisis. The Volcker Rule, named for the former chairman of the Federal Reserve and signed into law, prohibited banks from making their own risky bets with their customers’ deposits. Banks loathed the rule and Republicans vowed to undo it. Now, a decade after the global financial meltdown, banks are on the brink of realizing their dream. The Fed and other federal banking regulators are poised to soften the Volcker Rule, making it easier for giant banks to engage in a wider range of trading that can be highly profitable, but also very risky. The changes, which are expected to be proposed later this month, are emblematic of the larger deregulatory effort underway in Washington....
 
Leggi tutto

Japan's Biggest Bank to Switch on Blockchain Payments in 2020

Internazionale
Japan’s biggest bank has codeveloped a new blockchain, or distributed financial ledger, to boost the speed and lower the cost of payments. Over the past year and a half, Mitsubishi UFJ Financial Group, or “MUFG” for short, partnered with Akamai, a U.S. tech company, to design a blockchain that can handle 1 million transactions per second at latencies of less than 2 seconds, meaning the time it takes to confirm a batch of transactions on the ledger, the companies said. They expect the service to be capable of handling 10 million transactions per second as they continue to improve the technology, they said. In contrast, Bitcoin, the original cryptocurrency backed by the world’s first blockchain, can process seven transactions per second at latencies exceeding 10 minutes....
 
Leggi tutto

Just three companies have topped the Fortune 500 since 1955

Internazionale
In 1998, IBM was the biggest American tech company by revenue. Now, some 20 years later, it’s not even among the top 30 companies in the Fortune 500. Today, Fortune released its annual Fortune 500, a list of the 500 largest American companies by sales. Together, the Fortune 500 firms represent more than $1 trillion in profits, $21 trillion in market value, and employ some 28 million people around the world. The list is topped by the usual suspects: Walmart, Exxon Mobil, Berkshire Hathaway, Apple, and Amazon. The list is as much a testament to the rise and fall of certain industries as it is to America’s biggest corporations. In 1998, the tech behemoths we take for granted today, like Amazon and Apple, hadn’t even landed on Fortune’s list. Even in 2008, Apple still ranked beyond the top 100, while Amazon had yet to score a spot....
 
Leggi tutto

See the Age of Every Company in the Fortune 500

Internazionale
Long before Alexander Hamilton inspired a hit Broadway musical, he started a bank. In 1784, just after the end of the Revolutionary War, Hamilton was the founding father of what is today the Bank of New York Mellon—the oldest company on this year’s Fortune 500, and one of four that can trace their roots to the 18th century. The oldest member of the household products industry, Colgate-Palmolive, dates to 1806. While a majority of the 500—360 companies to be exact—were started in the 20th century, 136 launched since Jan. 1, 1980, and 26 in this century. ...
 
Leggi tutto

AI-Powered Bank Accounts Of Tomorrow Are Solving The Biggest Problem With Your Finances -- You

Internazionale
In Canada, millions of people are handing over control of their money. Not to an expensive financial adviser or bank manager, but to the Royal Bank of Canada’s artificial assistant NOMI, which moves money around and makes decisions when to save on their behalf. The idea of a machine making financial decisions for you might seem unsettling, but people don’t just like using NOMI, they seem to love it. Now some of the world’s biggest banks believe autonomous banking is the future, and NOMI is just the start. Robotic banking Israeli entrepreneur David Sosna predicted the rise of AI banking nearly 20 years ago. He co-founded Personetics with the mission of building the kinds of smart features he believed banks would one day need....
 
Leggi tutto

Worldline preoccupa Sia, Nexi e Poste

Tecnologia
Ci sono tanti modi per calare dalla Francia verso l’Italia, uno di questi è passare dalla Svizzera. Così il colosso dei pagamenti europeo Worldline ha speso 2,3 miliardi per rilevare l’elvetica Six, che tra le altre cose gestisce i pagamenti di alcuni circuiti di banche tricolori, e ora con la sua Equens minaccia di fare una dura concorrenza alla Sia. In passato il gruppo controllato da Cdp, F2i e Poste, sotto la regia di Massimo Arrighetti, aveva guardato il dossier Six, ma poi non ne aveva fatto nulla perché era un boccone troppo grosso da digerire in solitario....
 
Leggi tutto

Disservizi telefonici, 40 milioni di euro in rimborsi agli utenti, ecco perché

Tecnologia
E’ boom delle controversie con gli operatori telefonici, per disservizi subiti: le istanze sono aumentate ancora nel 2017, a quota 120 mila, e hanno portato 40 milioni di euro di rimborsi e indennizzi agli utenti. Lo comunica Agcom (Autorità garante delle comunicazioni) oggi, facendo un bilancio della propria attività sul territorio con i Corecom regionali, ai quali gli utenti possono rivolgersi, gratis, per risolvere i problemi con i propri operatori telefonici. E ricevere così non solo una soluzione ma anche un eventuale indennizzo per il disagio subito. Quali problemi? I soliti, come risulta anche dalle mail che i lettori inviano all’Esperto risponde di Repubblica.it. A quanto si legge nei dati presentati da Agcom, gli utenti subiscono disservizi soprattutto in fase di cambio operatore fisso (ritardi e perdita della linea); ma anche lamentano errate fatturazioni, casi di interruzione o sospensione del servizio (ingiustificati), l’attivazione di prodotti e servizi non richiesti. Ci sono controversie anche per le spese di recesso, che gli utenti spesso ritengono troppo alte. A volte a ragione. E ragione hanno dato loro infatti, a volte, i Corecom, nelle decisioni prese. Questi organismi hanno risolto l’87,4 per cento delle controversie....
 
Leggi tutto

Google si allontana dal suo storico motto “Don’t be evil”

Tecnologia
Non è un segreto quanto i motti possano essere cari alla Silicon Valley. Quelli ufficiali (e promozionali) alla “Think Different” a quelli sotto traccia, come “Don’t be evil”. Proprio questo – “Non essere cattivo” – è stato il motto non ufficiale di Google per molto tempo. E dio solo sa quanto anche le parole facciano parte della costruzione di una cultura aziendale nei Paesi d’Oltreoceano. Ebbene, quelle parole sono sparite dal Codice di condotta come mostrano gli archivi di Wayback Machine e come evidenzia Gizmodo. “Non essere cattivo”, frase non inventata dai fondatori, ma da loro accolta di buon grado, si trovava nel Codice dal 2000. Con la riorganizzazione, Alphabet nel 2015 aveva optato per un più morbido “fa la cosa giusta”, mentre Google aveva mantenuto alto lo storico vessillo. Così tanto integrato nella quotidianità da essere utilizzato, come ha spiegato una fonte alla testata statunitense, come password wi-fi sulle navette per i dipendenti diretti a Mountain View....
 
Leggi tutto

Utenti tracciati via iPhone, contro Google causa da 4,3 miliardi di dollari nel Regno Unito

Tecnologia
Nuovi guai in vista per Google. Una marea di utenti iPhone - ben 4,4 milioni - nel Regno Unito hanno dichiarato una guerra legale al gigante di Mountain View per la raccolta di dati personali ai fini di tracciamento e confronto. La causa potrebbe costare a Google fino a 4,3 miliardi di dollari (pari a 3,65 miliardi di euro). Secondo i promotori della class action Google avrebbe aggirato le impostazioni sulla privacy del browser Safari sugli iPhone tra agosto 2011 e febbraio 2012 per inquadrare le persone in categorie ad hoc per gli inserzionisti. All’avvio di un’audizione in due giornate a Londra gli avvocati del gruppo «Google You Owe Us» (Google, ci sei debitore, ndr) hanno riferito che le informazioni raccolte segretamente da Google riguardavano razza, salute fisica e mentale, inclinazioni politiche, sessualità, classe sociale, finanze personali, abitudini negli acquisti e dati sulla posizione. Le informazioni sarebbero state aggregate e gli utenti sarebbero stati inseriti in gruppi come “appassionati di calcio” o “appassionati di attualità” rendendoli obiettivi facili per il targeting della pubblicità....
 
Leggi tutto

Arriva il cellulare con schermo olografico. Ecco com’è fatto e a cosa serve

Tecnologia
Se n’era parlato moltissimo lo scorso luglio, quando Red, produttore di videocamere professionali di altissimo profilo (e prezzi di capogiro), ne annunciò caratteristiche e futura disponibilità giocandosi la carta di un testimonial d’eccezione come Brad Pitt. A distanza di quasi un anno, questo smartphone è pronto a fare il suo debutto in grande stile sul mercato americano: entro l’estate sarà in distribuzione sui canali di vendita di Verizon e AT&T, con un prezzo di vendita confermato in 1.295 dollari per la versione Alluminio e in 1.595 dollari per quella Titanio. Stiamo parlando dell’Hydrogen One, il primo telefonino con display olografico al mondo. Ottenute le certificazioni di circostanza dagli operatori e introdotte alcune migliorie, come ha confermato il fondatore di Red, Jim Jannard, nel comparto fotografico grazie all'inserimento di una doppia fotocamera sia sul retro sia frontalmente, tutto è praticamente pronto per alzare il sipario....
 
Leggi tutto

Fca, in Italia produrrà solo auto di gamma alta

Economia
Fiat Chrysler è pronta a concentrarsi, per quanto riguarda la produzione italiana, sulle auto di fascia alta come i nuovi suv della Maserati e della Jeep, spostando invece all'estero Panda e Punto. La nuovo strategia, secondo quanto riportato da Bloomberg, dovrebbe essere annunciata dal ceo Sergio Marchionne nella presentazione del nuovo piano industriale (l'ultimo del manager) del prossimo 1 giugno a Balocco. E conferma quanto Marchionne va ripetendo da sempre. Dove il lavora costa tanto e dove la manodopera è più qualificata vanno prodotte auto costose, altrove tutte le altre. In quest'ottica, i suv di Maserati e Jeep verrebbero così prodotti nello storico stabilimento di Torino e Napoli e la Panda in Polonia. La scelta non è certo indolore sul fronte dell'occupazione, in quanto le auto di massa hanno numeri superiori rispetto alle vetture di alto di gamma. Se è vero infatti che per produrre una vettura di lusso serve più manodopera, è anche vero che i volumi delle vetture di lusso sono inferiori a quelle di massa. E i minori volumi incidono sull'occupazione...
 
Leggi tutto

Banca Generali scopre la frontiera della blockchain

Economia
La blockchain entra nel mirino degli investitori. Il tema è ancora poco compreso e riservato agli addetti ai lavori sta però via via entrando nella nostra vita di tutti i giorni e aumenterà sempre più di importanza. Semplificando, la blockchain (letteralmente: catena di blocchi) è un enorme banca dati diffusa che accoglie e soprattutto certifica e rende immutabili nel tempo le informazioni da scambiare. È una specie di sigillo di validazione che viene......
 
Leggi tutto

Per Fineco via libera alla società di gestione irlandese

Economia
Per FinecoBank è arrivato il via libera alla nuova società di gestione irlandese. Lo ha annunciato oggi la società comunicando che "Fineco Asset Management, società di investimento di diritto irlandese, interamente partecipata dalla banca, ha ricevuto dalla Central Bank of Ireland l'autorizzazione a svolgere l’attività di gestione del risparmio. L'autorizzazione da parte della Central Bank of Ireland è giunta in anticipo rispetto alla data prevista, permettendo a Fineco Asset Management di essere operativa già nelle prossime settimane"....
 
Leggi tutto

La duplice sfida di Cattolica: più polizze Vita «capital light» e diversificazione nel Danni

Economia
Dare concreta esecuzione all’accordo di bancassurance definito con Banco Bpm. Poi: nel Danni diversificare l’attività. Inoltre: incrementare il business nel Vita, soprattutto con polizze “a basso assorbimento di capitale”, e sfruttare così anche le economie di scala. Ancora: aumentare la digitalizzazione delle attività. Sono tra le priorità del Gruppo Cattolica Assicurazioni, indicate nello stesso piano d’impresa 2018-2020, a sostegno del business. La compagnia, che nell’ottobre scorso ha visto l’acquisto del 9,047% del capitale da parte di Warren Buffett, di recente ha pubblicato i numeri sul primo trimestre dell’anno. Il periodo è stato caratterizzato dal rialzo dei premi netti (+1,7%) e dall’incremento del risultato operativo (+4%). Il Combined ratio nel danni, dal canto suo, si è assestato al 93,7%...
 
Leggi tutto

Mediobanca: Cattolica entra in un business da 30 mld

Economia
Per Mediobanca Securities l'investimento di Cattolica Assicurazioni nel business delle case di riposo "è coerente con il piano industriale 2018-2020 recentemente presentato che prevede un'offerta innovativa nell'ambito della cura degli anziani abbinata all'investimento immobiliare nel settore sanitario". La compagnia guidata da circa un anno dall'ad, Alberto Minali, ha siglato ieri con Coopselios un accordo per dare l'avvio all'Health Innovation Fund, un veicolo riservato alla valorizzazione di residenze sanitarie assistenziali (Rsa). Il comparto è creato e gestito da Savillis Investment Management Sgr con Cattolica Assicurazioni come investitore di maggioranza con circa l'80% dell'equity del fondo e unico player assicurativo. Dal canto suo Coopselios è investitore di minoranza, partner operativo oltre ad apportare le residenze....
 
Leggi tutto

Piazza Affari cala ancora sui timori politici, male (-3%) le banche

Affari Personali
A Milano forti vendite sulle banche (Ftse Italia Banche -3,1%): Banca Mps , dopo il -8,86% ha ceduto il 3,52%. Male anche Bper (-6,64%), Ubi Banca (-7,85%), Banco Bpm (-6,36%), Creval (-5,76%), Intesa Sanpaolo (-2,45%), Unicredit (-2,77%). In salita invece Cnh Industrial (+3,7%), su cui Kepler Cheuvreux ha riavviato la copertura con rating buy e prezzo obiettivo a 14,5 dollari. L'azione inoltre ha beneficiato delle notizie positive sul settore, con il competitor americano Deere che ha migliorato la guidance. In progresso anche Moncler (+1,26%) e Pirelli (+0,85%), mentre hanno perso terreno Telecom Italia (-3,41%) e Poste Italiane (-3,45%). In leggera ascesa infine la società di investment banking Equita Group (+0,78%) dopo che i conti trimestrali hanno evidenziato un utile netto in crescita tendenziale del 97% a 4,4 milioni di euro e ricavi netti in aumento del 43% a 18,7 milioni....
 
Leggi tutto

Btp Italia, il 73% a investitori italiani

Affari Personali
Contratti di taglia media tra i piccoli risparmiatori (20-50mila euro) e netta prevalenza degli italiani tra gli investitori istituzionali. Queste la caratteristiche principali del collocamento del Btp italia da 7,7 miliardi di euro che si è chiusa ieri e di cui oggi il tesoro fornire un dettaglio più preciso. Nel segmento retail, si legge in una nota, circa "il 47% è stato di importo inferiore ai 20mila euro...
 
Leggi tutto

Trimestrali, buona la prima

Affari Personali
Dall’analisi dei risultati dei primi tre mesi del 2018 emerge per le quotate un aumento medio dell’ebitda di circa il 5%, a fronte di una crescita dei ricavi dell’1,5% Grazie ai recuperi di efficienza che hanno interessato soprattutto le società maggiori...
 
Leggi tutto

OfNews

Bandiere Blu: le 5 più belle new entry del 2018

Il litorale italiano conta ben 368 spiagge che sono state insignite del titolo Bandiera Blu. E rispetto al 2017, 16 sono le nuove entrate. OFTravel ha selezionato le 5 più belle, tutte in località di ...

Leggi tutto

A settembre il premio OF Miglior Banca 2018

A settembre torna il premio OF Miglior Banca, che grazie all’analisi dei prodotti retail (presenti nel DB Prodotti Bancari) e a quella dei bilanci (grazie alla piattaforma OFPowerView) premia l’istitu...

Leggi tutto

Maggio 2018. I migliori conti correnti, mutui, prestiti

Poche le novità per i tradizionali prodotti bancari. Credem, ad esempio, sceglie di semplificare la sua gamma di conti con i nuovi Conto Facile e Credemconte . CheBanca! festeggia i suoi 10 anni dalla...

Leggi tutto

Rifioriscono i Depositi: il rendimento sale fino al 2%

Dopo anni di tassi a zero virgola qualcosa, rifioriscono le promozioni sulla liquidità remunerata. Conti di deposito e linee vincolate tornano ad offrire rendimenti interessanti, ma solo per brevi per...

Leggi tutto

Il futuro della web TV

Netflix, Sky, Amazon & co. E’ iniziata la guerra dello streaming TV

E’ un mercato che vale miliardi. Netflix, finora, ha avuto gioco facile, ma la concorrenza sta diventando sempre più agguerrita. Stanno nascendo servizi di TV digitale. Nuovi attori hanno annunciato i...

Leggi tutto

Il futuro della web TV: ecco cosa guarderemo

Netflix si è aggiudicata registi premio Oscar (i fratelli Coen), scrittori e sceneggiatori pluripremiati (la Shonda Rhimes di Grey’s Anatomy) e presentatori TV tra i più importanti degli USA (David Le...

Leggi tutto

La TV del futuro? Si mimetizza, è intelligente e…

Da Samsung arriva il televisore che si confonde con l’ambiente, si accende e si spegne da solo, e controlla gli oggetti connessi che ci sono in casa. Panasonic punta sulla TV intelligente. Sony, invec...

Leggi tutto

Migliore App finanza

Le migliori app per la finanza: lo scenario

Leggi tutto

Le migliori app per le assicurazioni

Leggi tutto

Speciale investimenti

Azioni (2018): come portare a casa il 6-8%

Leggi tutto

Quanto paga la liquidità?

Leggi tutto

@of_osservatorio

Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Vai al sito

Visita il sito