logo-mini
Tre itinerari alla scoperta della buona tavola in giro per i... OF OSSERVATORIO FINANZIARIO

SOMMARIO

Puglia, Barcellona e Singapore. Cos’hanno in comune? La cucina gourmand. Per addentrarsi nelle meraviglie dei luoghi che si intende visitare, non bisogna dimenticare le tradizioni culinarie. Ecco tre itinerari per assaporare le eccellenze enogastronomiche del mondo, in tre località da favola

Tre itinerari alla scoperta della buona tavola in giro per il mondo

» Vai alla Fotogallery



Per scoprire regioni e città, vivendo a pieno gli usi e i costumi locali, non basta visitare i principali monumenti storici e i luoghi di interesse. È necessario addentrarsi anche nelle tradizioni culinarie locali. Si tratta di un nuovo tipo di turismo, quello enogastronomico, che si sta diffondendo sempre più velocemente. E che abbina la visita prettamente turistica delle località prescelte alla scoperta enogastronomica dei sapori e dei prodotti tipici della regione. OFTravel ha scelto tre località adatte a chi vuol vivere esperienze gourmand fuori dal comune. Ecco quali sono. Con i consigli per non perdersi il meglio.

Puglia: olio, pane e pesce freschissimo


Bel mare e buon cibo sono due delle caratteristiche principali che contraddistinguono la Puglia, da sempre una delle regioni italiane preferite dagli amanti della buona tavola. Se si vuole scoprire il meglio della regione, facendo rotta fuori dalle tradizionali mete del turismo di massa, poi, si può avere anche l’opportunità di scoprire cittadine scenografiche e spiagge incastonate nella roccia di fronte al mare cristallino.

Partendo dal cuore del Parco nazionale dell'Alta Murgia si trova Andria. Simbolo della città è Castel del Monte, patrimonio dell'umanità per l'UNESCO. Mentre a livello gastronomico ciò che la distingue è la famosa burrata di Andria che, a partire dal 2016, ha ottenuto dall'Unione europea il riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta (IGP). Non solo: è qui che ha sede anche una storica fabbrica di confetti, la confetteria Mucci, all’interno della quale sorge anche il Museo del Confetto. Attiva dal 1894, propone un vasto assortimento di confetti tradizionali e di novità più elaborate, anche alla frutta.

Uno dei cibi più famosi della Puglia è il pane di Altamura: il primo prodotto in Europa a fregiarsi del marchio DOP nella categoria merceologica “Panetteria e prodotti da forno”. La sua particolarità è che si può assaggiare esclusivamente all'interno della zona d'origine dove ancora sono attivi antichissimi forni che mostrano anche lo storico processo di lavorazione. Il forno di Santa Chiara, uno dei primi forni pubblici della città, per esempio, risale al 1423.

Con poco più di un’ora di auto si giunge ad Alberobello, imperdibile per i suoi trulli, dichiarati Patrimonio Unesco. Tra le specialità della zona vi è l’olio: nel 2016 il Gambero Rosso ha premiato il Frantoio Intini come una delle migliori aziende italiane produttrici di olio. Da provare gli aromatizzati al limone o al peperoncino.

Spostandosi, infine, verso il mare una tappa imperdibile per chi visita la regione è Polignano a Mare, scenografica località a circa 30 minuti di auto da Bari conosciuta come la “Perla dell’Adriatico” e famosa per la piccola spiaggia di Lama Monachile incastonata tra due alte pareti rocciose. E’ in questa cittadina che ha sede il “ristorante più romantico del mondo”, come lo ha definito la celebre rivista americana Travel and Leisure. Si chiama La Grotta Palazzese, è ricavato in una grotta naturale ed è uno dei più rinomati ristoranti italiani a livello internazionale. Le specialità tipiche di Polignano a Mare sono tutte naturalmente a base di pesce freschissimo, da assaggiare, per esempio, nel ristorante Da Tuccino, famoso per il suo crudo di pesce da accompagnare con una delle numerose tartare o un carpaccio.

» Continua a leggere



Leggi Anche:


Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Leggi Privacy Policy.

Visita il sito