logo-mini
OF News - OF Osservatorio Finanziario

SOMMARIO

I dati avvertono: sarà un Natale dimesso per 7 italiani su 10. E la scelta di cosa regalare, tra scontrini alle stelle e innumerevoli amici e parenti da soddisfare, può rivelarsi un vero incubo. Per fortuna un’alternativa c’è. Negli ultimi anni sono infatti tornati in voga i doni fatti a mano, in cui ognuno può metterci la propria creatività e abilità. Idee semplici, veloci e d’effetto, ecco come fare bella figura spendendo poco. Ricordando che un regalo realizzato con le proprie mani, se fatto con impegno e cura, è un gesto di impagabile affetto

Leggi Anche:

Regali di Natale. Il fai-da-te salva dalla crisi e dal cattivo gusto

Leggi anche:
Regali di Natale. Smartphone, tablet, e-reader e robot da cucina scontati fino al 50%
Regali di Natale. Le promozioni delle banche/1
Regali di Natale. Le promozioni delle banche/2
Regali di Natale. Quando la banca vende online
Regali di Natale. Cofanetti pieni di viaggi, cene e benessere
Regali di Natale. In viaggio: tutti gli eventi delle capitali europee. E le offerte per goderli

Le previsioni per il Natale 2013 non sono affatto rincuoranti.
Con numeri che fanno paura, ma che purtroppo sono ormai entrati nella normalità di tutti i giorni, CONFCOMMERCIO pubblica i risultati della sua ultima ricerca, datata 27 novembre 2013, sulle prospettive dei consumi natalizi.
Per 7 italiani su 10 (il 69,3%) questo sarà un Natale dimesso e austero, una cifra doppia rispetto al 2009, quando era all’incirca del 34%. Il 14,2% degli intervistati non farà acquisti, tradizione invece difesa dall’85,8%, che nonostante le difficoltà economiche, non vuole rinunciare al rito del regalo (era però al 90,6% nel 2010). Per quanto riguarda l’orientamento del regalo, cresce la tecnologia, dal 10,6% del 2012 al 13% attuale.
Per molti sarà il peggior Natale degli ultimi tre anni, mentre CONFCOMMERCIO ipotizza che i consumi torneranno ad essere quelli del 2007 solo nel 2022.

Dati confermati anche dalla Xmas Survey di Deloitte (12 novembre 2013), realtà di consulenza nei servizi professionali alle imprese italiane, nata nel 1923.
Il budget medio a famiglia sarà di 477 euro, in calo del 2,4% rispetto all’anno scorso (e pensare che in Germania si registra un +6,7%). L’85% degli italiani ridurrà quindi le spese (6 italiani su 10 ritengono di avere meno potere di acquisto rispetto al 2012), con un 91% che cercherà prodotti in saldo o in promozione.
Il 42% prevede invece di regalare libri, mentre tra i regali più apprezzati i preferiti sono i viaggi.

E tra tasse e incombenze varie, anche le tredicesime (che 3 italiani su 10 dichiarano di non percepire), un tempo freschi guadagni per lo shopping natalizio, verranno sbriciolate, utilizzate per pagare debiti o per ripristinare il risparmio, piuttosto che per i nuovi acquisti da mettere sotto l’albero.

E quando i soldi scarseggiano, l’ingegno lavora.
Se per quest’anno si vuole tirare la cinghia, ma senza voler rinunciare a donare ai propri cari un pensiero, un grande aiuto viene dal mondo del fai-da-te. C’è chi ne ha fatto un hobby personale e si destreggia sapientemente tra idee sempre nuove e creative e chi si sente completamente negato. In ogni caso, non si può negare quanto il fai da te si dimostri un riparo sicuro dai prezzi spesso astronomici che si possono trovare nei negozi e nei centri commerciali. E a volte basta un’idea semplice per ottenere un risultato di grande effetto.
Da soli lasciandosi guidare dall’estro creativo, con l’aiuto di qualcuno di più abile, o affidandosi a blog, forum e tutorial, chiunque può assicurarsi una bella figura con stile, ricordando però che in fondo il vero dono è quello di riunirsi e trascorrere felicemente le feste.

Infine Of segnala alcuni dei numerosi regali solidali che si possono acquistare sui siti delle Associazioni benefiche, come Unicef, Save the Children, Emergency e Medici Senza Frontiere. Con cifre davvero irrisorie, come 5 euro, si può fare molto per chi soffre ogni giorno. ---- Gastronomia fai da te

Chi ai fornelli vanta eccellenti doti, ma anche chi ha competenze più raso-terra, può considerare l’idea, per questo Natale, di donare qualcosa fatto con le proprie mani, da mangiare o da bere, un regalo che resta tra i più apprezzati e scelti dagli italiani. Infatti, la spinta verso le spese utili eliminando quelle frivole, premia l’enogastronomia, con la riscoperta delle tradizioni culinarie, ma anche con la preparazione del fai da te e delle ricette personali.

Biscotti fatti in casa (pasta frolla, cioccolato, cookies, cioccolato e arancia, cocco, limone, cannella, integrali al miele), magari con le classiche formine natalizie e zuccherini colorati, ma anche dolci, come il salame di cioccolato o per i più bravi il pandoro, ricette etniche e creative, torte e strüdel. Il tutto poi si confeziona comprando per pochi euro un contenitore di cartone da pasticceria, lo si infiocchetta, si allega un bel biglietto di auguri (mai dimenticarsene) e il gioco è fatto.

Per i biscotti si può consultare questo sito www.allrecipes.it, dove si trovano diverse ricette, dalle più semplici, come i biscotti allo zenzero (tempo di preparazione: 30 minuti), i biscotti speziati con mandorle e cioccolato (25 minuti), i biscotti con gocce di cioccolato (35 minuti), e i brownies al cioccolato e menta (50 minuti), alle più impegnative con preparazioni più lunghe, come le stelle alla cannella (1 ora 45 minuti), i biscotti natalizi con mandorle e limone (2 ore), e i baci di dama (2 ore e 15 minuti).

Su www.giallozafferano.it si trova la ricetta per il pandoro, che come anticipato prevede una difficoltà elevata. La preparazione prende all’incirca un’ora, ma la pasta deve poi lievitare per 15 ore, mentre il salame di cioccolato (www.giallozafferano.it), ha una difficoltà di preparazione molto più bassa, con un tempo stimato sui 30 minuti circa.

Semplicissimo anche realizzare marmellate con frutta di stagione, che possono essere riposte in barattoli di vetro riciclati, abbelliti da un fiocco o un nastrino, e applicandoci sopra una bella etichetta (qui la ricetta che sottolinea il procedimento semplice anche se è necessario seguire una serie di accorgimenti).
Ma le idee sembrano non esaurirsi mai: sottoli, conserve, oli aromatizzati alle erbe o al peperoncino, liquori (ad esempio al cioccolato o al caffè) e limoncello. A volte basta leggere la preparazione della ricetta per rendersi conto che si è sopravvalutata la difficoltà della sua realizzazione, con il valore aggiunto che è tutto fatto in casa, risultando più genuino e naturale.
E ancora: frutta caramellata, frutta sciroppata, cioccolatini con nocciole o noci, tisane (al finocchietto, ai frutti rossi, allo zenzero, ma non regalate quella anti-cellulite!), pesto genovese fatto tassativamente in casa, patè di olive, vasetti assortiti di spezie… basta pensarci e le idee vengono in mente.

Molto bassa la difficoltà di preparazione per il limoncello (qui la ricetta) per la quale bastano 30 minuti, come quella per l’olio aromatizzato al peperoncino di appena 5 minuti (qui la ricetta). Qui la preparazione per la tisana rilassante che scalda dal gelo invernale, per la quale si impiegano davvero 5 minuti perché basta unire tra loro le dosi dei vari ingredienti (ma se si preferiscono altri sapori su questo sito c’è una lista abbastanza ampia), mentre è di poco più impegnativa la preparazione del pesto genovese (qui la ricetta) per la quale occorrono circa 20 minuti. Per il patè di olive nere, che si realizza in appena 15 minuti, la difficoltà è minima (qui la ricetta completa): basta pulire le acciughe e frullarle con olio, olive, aglio, capperi, (tonno se lo si vuole). ---- Per chi invece ha più tempo, o può contare su un aiutante, e non deve preoccuparsi di soddisfare troppi amici e parenti, può creare dei cestini enogastronomici fai da te, unendo un po’ di tutto di quello citato prima, e aggiungendo una bottiglia di vino comprata al supermercato (non è vero che per il buon vino bisogna spendere molto). E se a casa non si ha un cestino di vimini da riutilizzare, va bene anche una bella scatola capiente, un vassoio o un sacchetto di stoffa a colori e temi natalizi. Il contenitore può essere poi abbellito a piacere con pagliette, nastri colorati, fiocchi, carta trasparente, vischio, ma anche qualche piccola pallina dell’albero, o pigne raccolte in giardino o al parco. Nessuno poi vieta di decorare la scatola o il vassoio con la tecnica del découpage, seguendo i motivi più natalizi, come alberi, stelle, pacchetti e fiocchi di neve.

È utile comunque ricordare che, oltre al palato, anche l’occhio vuole la sua parte: prestare quindi attenzione alla presentazione e al packaging del piatto-fai-da-te in questione, compito non solo per nulla difficile, ma anche divertente, coinvolgendo la fantasia e l’originalità personale. Riporre il cibo da donare in un contenitore raffinato, originale, o di effetto, adornarlo e decorarlo con qualche semplice addobbo, l’importante è che il regalo risulti bello e invitante, ancora prima che venga assaggiato.
Basta lasciarsi condurre dal “buon gusto” (in tutti i sensi) e il successo sarà garantito.

Lavoretti fai-da-te: riscoprirsi artigiani

Abbandonata la cucina, nel fai-da-te si apre un mondo immenso.
Ognuno può seguire il proprio talento e le proprie passioni, ma anche la propria fantasia e originalità.
Agli amici si può regalare un calendario con le foto più belle, magari legate a un determinato periodo dell’anno (la foto delle vacanze farà da sfondo a un mese estivo, quella della gita in montagna a un mese invernale), ma si possono realizzare anche calendari a tema, con le fotografie degli amici a quattro zampe, cani e gatti più simpatici, oppure, se si ha la passione per la fotografia e si è anche bravini, si possono abbinare ad ogni mese foto di propria mano inerenti al cambio di stagione e allo trascorrere dei mesi. Un’idea più impegnativa è quella di realizzare un album dei ricordi legati alla persona a cui si indirizza il regalo, dove appuntare foto, frasi, aneddoti, ma anche vecchie cartoline, biglietti, canzoni e tutto quello che può venire in mente.

Rimanendo in tema foto, questa si può inserire all’interno di una bella cornice in legno che si dipingerà accuratamente riprendendo i colori dell’immagine, oppure renderla più personale e originale con bottoni, strass, decorazioni in feltro, pietre colorate (online si trovano moltissime idee, come queste).

Ma se si è veramente bravi a disegnare, si può sostituire la foto con un disegno fatto a mano, in bianco e nero o a colori, ritraendo il destinatario del regalo, oppure il cantante o una scena del film preferito, un quadro o un paesaggio particolarmente amato. La cornice giusta con una dedica a parte renderanno il pensiero davvero gradito (qui un esempio, scena tratta dal famoso “Colazione da Tiffany” con Audrey Hepburn; mentre qui, in bianco e nero, la copia del quadro più famoso di Jan Vermeer “La Ragazza con l’orecchino di perla” conosciuto anche come “Ragazza col turbante”). ---- Per l’amica o la zia che ama organizzare cene a casa, si possono realizzare degli eleganti segnaposti, non solo natalizi, ma anche ispirati a temi più classici e neutrali, così da poter essere utilizzati in ogni occasione. Anche qui le varianti sono infinte, ma il cartoncino va per la maggiore. Se si vuole seguire il tema natalizio, si possono realizzare, con il cartoncino colorato, alberelli, Babbo Natale, angioletti, gufi, pigne, stelle. Il mondo del web comunque viene in soccorso con proposte originali e di effetto (qui qualche idea interessante).

Agli amanti della cucina si possono anche regalare tovagliette americane in feltro o in stoffa a cui si può applicare la plastica adesiva (su cosedicasa.com e decorare.atuttonet.it qualche utile proposta), mentre per chi ha il pollice verde andrà benissimo una piantina grassa con un vasetto decorato a mano.

Chi ha gusto e fantasia, ma anche un po’ di abilità, può cimentarsi nella creazione di candele con composizioni floreali (i fiori freschi sono bellissimi, ma se si vuole un regalo che duri, meglio optare per quelli finti), o di centrotavola natalizi con stelle di Natale, vischio, pigne, e altri caratteristici addobbi, ancor meglio se di colore rosso.
E ancora: portafogli in feltro, segnalibri, sottobicchieri, sottopentola in feltro, sciarpe, guanti, presine da cucina, porta cellulare in feltro, fasce per capelli, cinture, portachiavi.
Qui i tutorial per realizzare portacellulare in feltro, fascia per capelli, presine da cucina, portachiavi in feltro, e, infine, sottopentola e sottobicchieri.

Un’altra idea semplicissima è quella di creare una lampada di grande effetto: basta comprare una damigiana di vetro di medie dimensioni e porvi dentro, arrotolandolo accuratamente o disponendolo in un groviglio più disordinato, il classico filo delle lucine dell’albero di Natale, bianche o colorate. Con il calare della luce, questa lampada, che può essere posta in soggiorno, farà subito “atmosfera natalizia” (ecco il risultato finale).

Un altro regalo apprezzatissimo, ma che può essere solo destinato ad amiche e parenti donne, è la bigiotteria. In questo caso il risultato finale sta al talento e alle capacità di ognuno, ma un’idea facilissima è quella di comprare un bel ciondolo lasciandosi guidare dalle preferenze e dai gusti della persona che si ha in mente, a cui poi si abbinerà una catenina o un nastrino in cuoio, a seconda dello stile del ciondolo scelto.
Solitamente per creare dei bei gioielli fatti a mano, oltre alla passione, bisogna avere una certa pratica, abilità e talento. C’è chi realizza orecchini in pasta di sale, fimo e mais, anelli con pietre e filo d’argento, e cinture ricamate da perline e strass… quindi spazio alle idee e alla creatività.
Qui un esempio semplicissimo di bijoux realizzato a mano con un ciondolo e una semplice catenella intrecciata in modo originale, oppure si può consultare la lista dei blog che trattano della bigiotteria fai da te.

Rimanendo nell’universo femminile, chi si diletta tra stoffa, ago e filo, può cimentarsi nella fabbricazione di una piccola pochette di stoffa, a cui può anche applicare un’elegante catenella tracolla (qui l’elegante pochette in velluto); ma anche abbellire un cerchietto altrimenti anonimo e banale con un fiocco o altri accessori (qualche idea qui); oppure può provare lo scrub fatto in casa, seguendo diverse ricette. Quella base, e anche la più semplice, prevede sale fino (oppure zucchero, ancora meglio), da unire all’olio (di mandorle, al cocco o ai semi di girasole), a cui si può aggiungere, per personalizzarlo, qualche goccia dell’olio essenziale preferito o fiori di lavanda (altre ricette qui). Anche in questo caso è importantissimo il packaging: munirsi quindi di un barattolo trasparente (vanno benissimo quelli riciclati dalle marmellate), un bel nastro e un’etichetta su cui scrivere gli ingredienti del prodotto. ---- I regali beauty fai da te, molto amati soprattutto perché vengono preparati con prodotti naturali e non nocivi, includono anche saponette (bastano scarti di sapone e aromi naturali), sali da bagno (sale marino grosso di base, e ingredienti a proprio piacimento come cannella, chiodi garofano e elio essenziale), pot pourri (profumatori per l’ambiente, si preparnoa con spezie, erbe aromatiche, frutta e fori secchi a proprio piacimento), balsamo per le labbra (si realizza con il burro di cacao, cera d’api, miele, olio essenziale a scelta e olio di jojoba), acqua di colonia (alcool e gocce di varie essenze), crema per le mani (miele, olio di mandorle, essenza di bergamotto), balsamo per i capelli (yoghurt, aroma fiori d’arancio, succo di limone, amido di riso), cipria (amido di mais e colorante liquido alimentare). Alcune ricette e proposte interessanti si possono trovare qui, sito che rimanda a blog che trattano il beauty fai da te.

Ovviamente prima di regalarli, i prodotti possono essere provati in prima persona per testarne le qualità ed eventualmente modificare qualcosa nei procedimenti o nelle dosi durante preparazione.
E non è necessario produrne in maxi quantità, anzi: piccole e curate confezioni sembreranno più ricercate e raffinate, magari abbinandone due di diversa tipologia (ad esempio il balsamo per le labbra con quello per i capelli).

Regali solidali

Natale è anche l’occasione per rivolgere un pensiero verso chi vive nella povertà e nella malattia.
Sono moltissime le associazioni benefiche che mettono a disposizione cataloghi tra cui scegliere i propri regali, ma anche opzioni più “specifiche”, come vaccini e alimenti.

Unicef, oltre alla tradizionale pigotta (la bambola realizzata a mano, costo: 20 euro), propone giocattoli, portachiavi, tazze, libri, calendari, oggettistica per la casa (vassoi, cornici, porta biscotti), cartoleria (matite colorate, quaderni, astucci, kit scuola), custodia per pc (20 euro), borsa sportiva (25 euro). I prezzi vanno dai 10 euro circa fino ai 52 (tavolette purificanti in grado di trasformare l’acqua sporca in acqua potabile).
Presenti anche aiuti concreti (qui la lista), come l’alimento terapeutico (il Plumpy’nut, a 26 euro), il latte terapeutico (56 euro, 90 confezioni), i micronutrienti per la crescita (8 euro), i sali reidratanti (73 euro per 1.000 bustine, il rimedio più efficace contro la diarrea, una delle principali cause di mortalità infantile).
Visitare regali.unicef.it

Moltissime le possibilità di fare tanto spendendo poco anche con Save the Children, con il quale si possono acquistare due visite pediatriche a 27 euro, il Plumpy’nut a 10 euro, giocattoli a 12 euro, 100 vaccini per il morbillo (che causa la morte di 500 bambini al giorno) per 15 euro, sei alberi da frutto a 22 euro, cinque zanzariere (la malaria toglie la vita a un bambino ogni 30 secondi) a 26 euro, 40 polli a 36 euro, un kit medico a 29 euro, filtri depuratori per l’acqua a 57 euro, 10 bustine di latte terapeutico a 8 euro, kit scolastico (con libri, matite e penne per 16 bambini) a 20 euro, un cesto di cibo in grado di sfamare una famiglia per un mese a 15 euro.
Per il catalogo completo: savethechildren.it

Lo shop solidale di Telethon propone candela natalizia (contributo minimo 5 euro), cover per iPad3 a 24 euro, cover per iPhon a 11 euro, sciarpa a 10 euro, set sciarpe a 22 euro, grembiule da cucina a 10 euro, tovagliette per colazione a 5 euro.
Qui tutti i prodotti che si possono acquistare a scopo benefico. ---- Medici Senza Frontiere propone l’iniziativa Festa Senza Frontiere, dedicata a chi vuole festeggiare un’occasione speciale, come Natale, ma anche laurea e matrimonio, utilizzando i loro regali solidali, biglietti e e-card di auguri. Si possono anche acquistare t-shirt dai 12 ai 23 euro, abbigliamento bambini dai 7 ai 18 euro, borsa sportiva a 7 euro (qui il catalogo), oppure aiuti mirati come zanzariera da letto a 4 euro, coperta a 5 euro, 40 dosi di vaccino contro il morbillo a 10,50 euro, terapia per la malnutrizione a 12 euro, kit operatorio a 13,50 euro, test malaria per 100 persone a 48 euro.
Per tutte le opzioni visitare il sito festasenzafrontiere.it

Il FAI, Fondo Ambiente Italiano, dà la possibilità alle aziende di donare il libro del FAI che raccoglie le bellezze italiane, ma anche calendari, cartoline digitali personalizzabili con il logo dell’azienda, oppure di sostenere un progetto di restauro o di riqualificazione di un bosco o un giardino.
Maggiori info: fondoambiente.it

Sul sito dell’AIRC, Associazione Italiana per la ricerca sul cancro, si possono acquistare biglietti di auguri natalizi a 2 euro, ma, per le aziende, anche altre proposte, come i messaggi di auguri con il calendario da tavolo, il segnalibro con lente, il messaggio in forma di lettera o di App, il tutto personalizzabile a piacere con il nome e il logo dell’azienda.
Per approfondire: airc.it

Emergency propone un ricco catalogo per i regali solidali, porta tablet/iPad (8 euro), agenda (6 euro), tappetino per il mouse (6,56 euro), porta oggetti (12 euro), porta penne (8 euro), t-shirt (16 euro), tazze (12 euro), cesta natalizia salata (35 euro), cesta natalizia dolce (35 euro), macchina caffè espresso con 50 capsule omaggio (99,90 euro).
Inoltre Emergency allestisce, per il mese di dicembre, i negozi di Natale nelle principali città italiane (Milano, Roma, Bari, Bologna, Brescia, Ferrara, Firenze, Forlì, Genova, Grosseto, L’Aquila, Livorno, Padova, Reggio Emilia, Torino e Trento), dove sarà possibile acquistare vari oggetti provenienti dai Paesi in cui opera l’associazione, oltre a prodotti offerti dalle aziende e dai negozi che vogliono contribuire all’attività benefica. I guadagni servono a sostenere Programma Italia, per offrire cure gratuite ai migranti e alle persone in stato di bisogno.
Qui tutte le info: emergency.it

Con Lilt, Lega italiana per la lotta contro i tumori - sezione provinciale di Milano, è possibile acquistare a scopo benefico le cartoline di auguri (12 euro), i biglietti di Natale (da 2 a 12 euro), la scatola dolce (panettone 500 gr e Prosecco DOC a 30 euro), il cesto goloso (panettone, prosecco DOC, torta alle mandorle, torrone, uva rossa al moscato, brigidini di Lamporecchio, a 55 euro), il cesto gastronomico (Grignolino d’Asti, salamino, trancetto lardo DOP, stinco, fonduta con fontina, formaggio sardo, vasetto pere barolo e miele, albicocche sciroppate, lenticchie, a 75 euro), corso di cucina da Altopalato (per info chiamare il numero 0249521 o inviare una mail all’indirizzo marketing@legatumori.it) e idee per i bambini come pupazzi (dai 12 ai 25 euro), e simpatiche calze per la Befana (da 22 a 30 euro, comprese di dolci).
Per chi ama la musica classica, si possono anche regalare i biglietti per il tradizionale concerto al Teatro alla Scala con l’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano, che si terrà il 17 marzo 2014 alle ore 20.00. Per info e prenotazioni: 0249521.
Organizzata anche una lotteria (costo del biglietto: 3 euro), con i premi (25 in tutto) messi a disposizione dalle aziende che sostengono Lilt, tra cui un navigatore, una macchina fotografica, una lampada da tavolo e un trolley. L’estrazione avverrà il 16 gennaio 2014, presso lo stand Lilt nell’atrio Istituzionale Tumori. Per info e per acquistare i biglietti: Silvana Bergamaschi 0249521127.
I fondi raccolti servono per sostenere i servizi offerti nel campo dell’assistenza, della diagnosi precoce, della prevenzione e dell’informazione.
Tutte le info e gli approfondimenti: legatumori.mi.it

© Of-Osservatorio finanziario riproduzione riservata


Il nostro network

Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Vai al sito

Visita il sito